Restiamo a casa. Ce lo chiede il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, ce lo chiede anche il nostro senso civico. Solo così possiamo provare a frenare la diffusione del Covid 19, il Corona virus. In questi giorni gli appelli a non uscire si moltiplicano. Storie Oggi ha chiesto una mano ai propri amici, ai personaggi che, nel corso degli ultimi anni abbiamo imparato a conoscere attraverso questo sito. E in molti hanno risposto, inviandoci un video, un appello, un contributo.

 

 

“Auguri papà”, dalla cameretta dei suoi figli, Nando Irene augura a tutti, non solo i papà di superare questo momento particolare.

Nel nome del padre“, questo il titolo dei versi che l’attore lucano ci recita, è stata scritta da Carlos Solito, scrittore, poeta, scenografo, regista e fotografo pugliese. Nando Irene l’ha tradotta nel dialetto della sua infanzia, il salandrese. Sono versi toccanti, dove ognuno può ritrovarsi.

Nando Irene ha recitato di recente nel film di Luciano Luminelli Destini. Il suo curriculum è ricco di partecipazioni importanti: “La nonna nel freezer” e “Bentornato presidente”; Il Rabdomante, Il nome del figlio, I moschettieri del Re; in televisione Il commissario Rex, Distretto di polizia e Sorelle. E, proprio di recente, ha recitato nel ruolo  del maresciallo dei carabinieri La Macchia, nella fiction “Imma Tataranni”, uno dei successi più importanti della recente stagione di Raiuno, tant’è che ci sarà anche una seconda serie.

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il commento
Per favore inserisci l tuo nome