Un premio all’insegna della solidarietà per l’emergenza Covid-19.  Un piccolo riconoscimento a chi si impegna per il sociale, per l’educazione, per l’ambiente. E’ quello che verrà assegnato  giovedì 17 dicembre  dal Consiglio del Quartiere 4 di Firenze.

E’ ‘Il Quattrino’ un riconoscimento istituito dal 2016. E che per questa edizione avrà fra i destinatari anche un… lucano. E’ il giornalista e musicologo, scrittore e – ovviamente – elemento attivo del volontariato  – Giancarlo Passarella. Nato a Firenze, i suoi genitori sono originari di Calvello.

“Il Quattrino è un simbolo di ringraziamento – dichiara il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni – per le persone, le associazioni, le scuole che testimoniano nel quotidiano e concretamente i temi della pace, della solidarietà e della difesa e valorizzazione dei beni comuni. Un piccolo riconoscimento alla cittadinanza attiva, a quanti si impegnano con energia per il sociale, l’educazione e l’ambiente. L’edizione 2020 premierà chi ha lavorato con dedizione e spirito di sacrificio durante il lockdown di primavera e sta continuando a operare e aiutare”.

Il riconoscimento sarà consegnato, oltre che a Giancarlo Passarella,  a Misericordia di Firenze Sezione Oltrarno, Volontariato Vincenziano, Associazione Fede, Speranza e Amore, Caritas parrocchiale dei Bassi, Caritas parrocchiale dell’Isolotto, Caritas parrocchiale di Legnaia, Rete di Solidarietà Q4, Associazione Firenze Dona, Associazione AlpaHa Onlus, per il progetto parco degli alpaca per ragazzi diversamente abili, Accademia Cinofila Fiorentina e all’Istituto scolastico comprensivo Barsanti.

Nel rispetto delle norme antiCovid-19, la cerimonia si svolgerà giovedì 17 dicembre 2020, alle 18, nella sala consiliare Tosca Bucarelli di Villa Vogel, alla presenza dei soli destinatari del riconoscimento.

Ma potrà essere seguita anche in diretta streaming su https://tinyurl.com/FacebookQ4. La registrazione dell’evento sarà poi pubblicata sul canale Youtube del Quartiere 4: https://tinyurl.com/Q4Youtube.

A Giancarlo Passarella il premio è stato assegnato con questa motivazione: “Per il lavoro di documentazione e divulgazione sul rapporto tra musica e terapie del dolore e altre attività di volontariato”

Ma chi è Passarella? StorieOggi.it ha raccontato in più occasioni le attività che svolge in ambito musicale (Al liceo la musica sale in cattedra) e come scrittore e divulgatore (La musica oltre il dolore: Giancarlo Passarella svela le esperienze di 14 artisti).

Il libro “Dolore No-te” di Giancarlo Passarella con le testimonianze, tra gli altri, di Simone Cristicchi (nel riquadro a destra) e Ermal Meta (a sinistra)

Giancarlo nasce a Firenze il 10 maggio 1959 da genitori lucani. Bisnipote e nipote di boscaioli costretti ad emigrare in Argentina per il loro impegno sociale, suo padre Maresciallo Maggiore dei Carabinieri e Cavaliere del Lavoro comanda diverse caserme in Valtellina: a Sondrio Giancarlo svolge il suo percorso scolastico sino al Liceo Scientifico.

Ritorna a Firenze nel 1979 per iscriversi alla Facoltà di Scienze Forestali. Dal 1996 è presidente dell’associazione culturale senza scopo di lucro Ululati dall’Underground, il “sindacato” dei fan club italiani dedicati ad artisti musicali

Ha collaborato a circa 200 dischi, ha svolto il ruolo di ufficio stampa per 57 tourneé di rockstar (da Vasco Rossi ai Pink Floyd, da Eugenio Finardi ai Dire Straits), ha scritto 6 libri. Nel biennio 1986/87 ha svolto 20 mesi di Servizio Civile, unendo impegno civile a cultura. Vive da sempre nel Quartiere 4.
Collabora con l’onlus Vincere il Dolore e si occupa della promozione giornalistica dei convegni dedicati alla sincronicità, voluti dallo Centro Multidisciplinare di Terapia del Dolore presso l’Ospedale Palagi di Firenze.

E’ socio del nucleo fiorentino dell’A.N.C. Associazione Nazionale Carabinieri.
Ultimamente ha messo a disposizione la sua esperienza per comprendere l’impatto della Riforma del Terzo Settore sulle associazioni di volontariato, dalla cultura alla sanità.

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il commento
Per favore inserisci l tuo nome