L’autunno che è appena iniziato è “rosa” a Lagonegro, grazie al Salotto culturale Donata Doni che, da anni movimenta la vita culturale del borgo lucano.

“Autunno Rosa” è una rassegna dedicata alle donne. Di loro parleranno i libri che verranno presentati, di donne parleranno le sillogi di poesie che faranno parte della kermesse e lo stesso filo conduttore avranno le brevi rappresentazioni  teatrali, di musica, di mostre d’arte collettive e personali che infarciscono l’interessante programma messo a punto dall’Associazione presieduta da Agnese Belardi.

“La finalità è quella di ricordare la donna – spiega Belardi –  non solo nel mese di novembre, quando ci sarà la nostra iniziativa,  ma tutti i giorni dell’anno. Contrastare la violenza che si abbatte contro e in particolare quella psicologica e il femminicidio. Ci poniamo diversi obiettivi importanti: sensibilizzare ed educare i giovani e rieducare gli adulti. Ma la posta in gioco più importante è quella di avversare con coraggio e percorrere le grandi  fasi sull’evoluzione della donna e anche riconoscere i momenti di crisi, attraverso percorsi formativi. L’ unione e l’organizzazione delle Associazioni del territorio Valnocino ha questa missione: il confronto e soprattutto la preparazione in sinergia per contrastare la violenza, e coinvolgendo le scuole. Auspico il coinvolgimento della scuola, dei docenti, delle associazioni e  degli studenti. Il futuro è nei giovani. Il mondo dell’istruzione e quello delle associazioni unite insieme per  superare i disagi e le differenze e per riconciliarsi con il territorio puntando alla parità, alla collaborazione e al rispetto. Tutti dobbiamo educarci a questi valori e difenderli. Soprattutto quelli etico culturali in cui contano, oltre gli interessi,  gli ideali e i sentimenti. Serve rafforzare la cultura dei doveri contro il menefreghismo, il narcisismo di massa, contro la cattiveria, contro il bullismo, l’incompetenza, la maldicenza e l’odio sociale. Occorre introdurre la cultura dell’impegno, della serietà e della disciplina. Questo si può fare con l’inclusione sociale, con il coinvolgimento dei giovani, con la consapevolezza di noi adulti ad informare in maniera corretta ad aiutare i giovani e soprattutto a dare l’esempio”. L’autunno Rosa attraverso il lavoro di tanti volontari, No profit, mette in campo le passioni. Il rosa rappresenta la gioia, la serenità, l’eleganza.

L’autunno  in  rosa  a  Lagonegro è un canto d’amore alla cultura e all’arte nel nome della poetessa Donata Doni in cammino verso il cinquantenario della sua morte 1972.La sua è una poesia fedele compagna di vita, capace di scandagliare ed esprimere tutte le vibrazioni e le sfumature dell’animo di una donna: è un itinerario di ricerca sul fenomeno umano, un viaggio di puro isolamento verso un inevitabile slancio mistico che declina l’amore nelle sue forme più sincere e profonde, da quello per il proprio compagno o per i propri genitori a quello offerto a Dio. La sua narrazione è estetica, psicologica e persino etica, intesa come stimolo al chiarimento di sé e come scoperta dei propri segreti, dei propri sogni e della propria vocazione nel mondo. I suoi versi traggono origine da una significativa esperienza interiore, da una spinta possente che di trasforma in necessità di capirsi, di capire, di esprimersi e di comunicare: un silenzio creativo e contemplativo fa da sfondo alla sua indicibile sofferenza, che trova ristoro soltanto nella poesia, nella preghiera, nell’amore, senso supremo della vita che per lei significa essere desiderati e desiderare ad un tempo, espandendo all’infinito la propria capacità di dare di ricevere emozioni.  Dal 17 ottobre al 28 novembre tante iniziative saranno messe in campo per rivitalizzare la città di Monna Lisa e stimolare alla lettura. La serata conclusiva della nona edizione del Premio “Donata Doni”, promosso dall’omonimo Salotto Letterario e patrocinato dal Comune di Lagonegro, si  svolge il 28 novembre 2021  alla presenza di importanti personalità, non solo lucane, del mondo della poesia, della letteratura, del giornalismo, della musica, del teatro, della pittura, della danza, della politica, dell’associazionismo, del volontariato e della solidarietà in genere. Nella magica cornice dell’antico  Palazzo Corrado, trasformato per l’occasione in una profumata bomboniera dal predominante color rosa,  a voler attenuare la drammaticità della recrudescente violenza sulle donne,  per respirare un piacevole  e rasserenante clima di festa, amicizia, fratellanza e complementarietà che fa sentire protagonisti principali sia i premiati e gli ospiti d’onore che il  pubblico nel rispetto delle regole anticovid.

IL VOLTO DELLE DONNE: COLLETTIVA A PALAZZO CORRADO. Il volto e la figura della donna sono stati da sempre protagonisti delle opere più importanti e piú famose della storia dell’arte.

Attraverso le diverse opere possiamo scoprire lo stile di vita e la condizione della donna nel corso dei secoli.

La collettiva degli artisti di “LauriArt”, allestita presso il Palazzo Corrado in Lagonegro, attraversa un unico filo conduttore che armonizza le diverse opere degli artisti, realizzate con tecniche diverse: olio, tempera, acquerello, matita, colore e chiaroscuro esaltano il mondo della donna.

I volti e le figure rappresentate racchiudono il complesso e multiforme universo femminile, interpretato quasi come un diamante dalle diverse sfaccettature, capace di rifrangere la luce in riflessi cristallini e magici bagliori.

A differenza del diamante, però, la donna, l’essere più sensibile sulla terra, quando viene modellata, “tagliata” o semplicemente condizionata dalla mano dell’uomo violento, vede spegnere la propria luce..

GLI APPUNTAMENTI. Il taglio del nastro dell’edizione di questo Autunno in Rosa  c’è stato sabato 17 ottobre con l’apertura della mostra I volti delle donne e con una rappresentazione teatrale su Isabella Morra.

Domenica 24 ottobre la presentazione del ibro “Lago Negro” di Pierpaolo Grezzi, con il maestro Salvatore Falabella e con la presentazione del documentario Lagonegro nel passato: ieri, oggi. Video di Nicolò Cosentino.

Il 31 ottobre “Riflessi nell’acqua di scritti sui muri”: Umberto Noce con Maddalena Porfidio e Lucia Viceconti dell’Associazione Angelo Alagia.

Ricco il calendario degli appuntamenti di novembre.

Il 24 novembre “In cammino con la poesia di Donata Doni”. L’educazione ai sentimenti attraverso la poesia contro la violenza. Letture degli studenti e dei docenti di ogni ordine e grado.

Il 25 novembre, giornata contro la violenza di genere e il femminicidio, ci sarà la presentazione del libro “Il dolore sospeso” di Eleonora Aloise Pegorin che ne discuterà con Felicita Pugliese e Agnese Belardi. Poi “La creatività come risorsa ed espressione del disagio psichico”.

Il 27 novembre L’amore è poesia di Demy Mango, con Eva Immediato, letture di Maria Pia Papaleo e con intermezzi musicali dei fratelli Mango.

28 novembre la presentazione del libro “La gabbia di Anna” di Maria Lovito che ne discute con Serena Ricciardone. A seguire il teatro: Nunzia Gioia La Badessa di Castro.

In questa giornata ci sarà anche la premiazione della nona edizione del premio Donata Doni.

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il commento
Per favore inserisci l tuo nome