“In questa trattoria, proprio nel posto dove sei seduto tu, veniva spesso Pier Paolo Pasolini”: una battuta e una scena di “Vorrei una vita” l’ultimo film firmato DilPrevCineFilm production, con la regia di Emanuele Di Leo con l’attore e sceneggiatore lucano Massimo Previtero, che i panni di Francesco, un ragazzo dal carattere un po’ difficile e introverso protagonista anche del film precedente, della giovane coppia di cineasti “Amaremente”. La trattoria dov’è girata quella scena è “Al Biondo Tevere” di Roma dove – si dice- Pasolini abbia fatto una sosta la notte in cui poi è stato ucciso. E non è l’unico riferimento al grande cinema italiano che Di Leo e Previtero fanno con questo ultimo loro lavoro.

Il film, finita la lavorazione, sarà presentato in anteprima al Nuovo Cinema Aquila di Roma (Via l’Aquila 66/72 ) il 3 aprile alle ore 17. “E’ una commedia, una grande storia d’amore, una carezza al cuore”, dice sintetizzando la storia, Massimo Previtero che oltre a esserne protagonista ne è anche autore.

Riuscirà l’amore a dare fiducia a Francesco e magari iniziare una nuova vita? Il film, le cui riprese sono durate un anno esatto, dovuto anche alla situazione del Covid,  è molto atteso, proprio perché è tratto dal precedente film della coppia Di Lo-Previtero, “Amaremente”, che non solo ha riscosso un grande successo durante la prima visione in sala, ma è in rete – sul canale YouTube della DilPrevCineFilm production – e sta andando alla grande. Anche questo nuovo film, dopo il debutto in sala, sarà pubblicato sul canale YouTube della casa di produzione indipendente.

Vorrei una vita è un turbinio di emozioni dopo l’altra, è una storia d’amore che avvolge e accompagna lo spettatore fino alla fine. Nelle due ore di durata si alterneranno emozioni, sorrisi, suspense.

La storia. Il film racconta la storia di amore tra Francesco e Michele (il primo interpretato da Massimo Previtero, l’altro da Marco Giannini): i due  ci faranno vivere una sorta di favola moderna. Ma, avvertono il regista e l’autore,  non mancheranno i risvolti negativi, proprio come succede in tutte le storie della vita reale.

Francesco troverà conforto tra le braccia di Angela, sua sorella (Interpretata da Michela Scarlet Aloisi, anche lei tra i protagonisti di Amaremente, dove vestiva i panni di Sonia, l’amica del cuore di Marco).

Oltre cento gli attori coinvolti tra i quali Valerio Raffaelli (In Amaremente vestiva i panni di Fabio) che cercherà di ostacolare la storia d’amore tra Francesco e Michele. E poi Ciro (Jano Di Gennaro), amico del cuore e collega di lavoro di Francesco.

La pellicola è anche una sorta di “meta cinema”:  ci saranno riferimenti ad alcune scene che hanno fatto la storia del cinema italiano come ad esempio Pier Paolo Pasolini nella Dolce Vita. E poi Sophia Loren e Marcello Mastroianni.

A fare da cornice al film è il quartiere di Tor Pignattara: un omaggio che il regista e l’autore hanno voluto fare al luogo dove abitano realmente.

Nel film ci sarà la partecipazione straordinaria di Lia Cellamare, straordinaria attrice pugliese.

Il trailer di “Vorrei una vita”

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il commento
Per favore inserisci l tuo nome